Chi non dubita non cubita


martedì 31 gennaio 2012

IL GOVERNO A FUMETTI



Facciamo un po' di storia recente. 
Storia del fumetto, altrimenti detto "comic".

Tutto cominciò da quando la Disney cambiò disegnatori...
Improvvisamente la Banda Bassotti non fu più disegnata, e sparì anche Paperon De' Paperoni. Al suo posto arrivò Pippo, che a sua volta chiamò Dumbo e Nonna Passera.
Ma... non era Nonna Papera?
I nuovi disegnatori ritennero di dover adeguarsi ai tempi. Passera suona meglio di Papera, non ci sono dubbi.

Pluto lo hanno lasciato abbaiare fuori campo, perché non sapevano quale faccia di politico dargli. Troppi erano i papabili.

Ma anche i nuovi disegnatori commisero qualche errore.
Uno dei personaggi che erano stati scelti per affiancarli a Pippo si rivelò fasullo. Troppo malinconico. E dire che Pippo lo aveva accolto con una stretta di mano e un largo sorriso...


Anche Minnie ebbe un nuovo volto, e la fecero piagnucolosa, ma i suoi piantini si tramutavano in sorriso ogni volta che pensava al numero 18. 
Credeva forse di avere 18 anni? No, esistendo gli specchi.
Lei godeva nel pensare a come avrebbe potuto abrogare l'articolo 18, quello che impedisce i facili licenziamenti a Topolinia.


Nel cast disneyano non poteva mancare Gastone il fortunato, che nella nuova versione è diventato il raccomandato.
Figlio di papà, tutto gli è stato spianato, laurea, cattedra, fino ad arrivare a un posto di preminenza nel governo di Paperopoli.
Se poi dice qualche cazzata, beh, tutto rientra nel personaggio, che senza le spinte indebite sarebbe stato sicuramente uno sfigatello qualsiasi.


Alcuni personaggi sono ancora in prova. 
Ad esempio ce n'è uno in odore, o per meglio dire in profumo di conflitto di interessi. 




Poi ce n'è un altro dal doppio cognome che pur guadagnando fior di quattrini si è accaparrato una casa a prezzo popolare in posizione prestigiosa, facendosi, come se non bastasse, rappresentare legalmente da quel ceffo malinconico già estromesso dalla Banda Disney.
Questo tipo di personaggi non piace ai lettori, quindi se ne auspica una rapida uscita di scena.


















Ma per fortuna c'è il pezzo forte, quello che regge tutte le storie.
E' una vera colonna del fumetto, uno che s'inventa tante parole nuove, tutte, chissà perché, col nome Italia.


Sì, è proprio lui, il grande Pippo, promosso da stupido a intelligente: la rivincita degli stolti.


Pare che nessuno osi sbarrargli il cammino, e così lui si diverte ad affamare il popolo e a favorire le banche, con l'appoggio di un redivivo Walt Disney non più americano, ma napolitano verace. 
Intanto tutti i Pluti se ne stanno fuori campo ad abbaiare, mentre lui si inventa l'ennesima manovra italiana.



Ma ci piace davvero questo nuovo fumetto?

Gianni Greco


------------------------------------------


Tranne la prima, la quinta e la sesta immagine, le altre sono tutte tratte da miei articoli precedenti. Nell'ordine:


http://lombradeldubbio.blogspot.com/2012/01/che-pena-i-politici-dice-monti.html

http://lombradeldubbio.blogspot.com/2011/12/va-di-moda-il-18.html

http://lombradeldubbio.blogspot.com/2012/01/piu-sfigati-di-cosi.html

http://lombradeldubbio.blogspot.com/2012/01/pestaitalia.html

http://lombradeldubbio.blogspot.com/2012/01/il-paese-del-no.html

domenica 29 gennaio 2012

LA VERA PAR-CONDICIO

Lascio la parola al grande Totò.
--------------------------------------------
Ogn'anno, il due novembre, c'è l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'ha dda fa' chesta crianza;
ognuno ha dda tene' chistu penziero.

Ogn'anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'è capitato 'n'avventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio
(Madonna!) si ce penzo, che paura!
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto, statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'
â chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile Marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del '31".

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
... sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e 'stu signore
nce stava 'n'ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
pe' segno, sulamente 'na crucella.

E 'ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco 'nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo 'stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezzanotte,
e i 'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura... 'nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto, che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 
â parte mia...
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato... dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia; era 'o Marchese:
c'o' tubbo, 'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato appriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'na scopa 'mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'o muorto puveriello...'o scupatore.
'Int'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo... calmo calmo,
dicette a don Gennaro: "Giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va, sì, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, sì, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente".

"Signor Marchese, nun è colpa mia,
i' nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo, obbj'... 'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!".

"Famme vede'... piglia 'sta violenza...
'A verità, Marché, mme so' scucciato
'e te senti'; e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere... nu ddio?
Ccà dinto, 'o vvuo capi, ca simmo eguale?...
... Muorto si' tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'n'ato è tale e qquale".

"Lurido porco!... Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale... Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo... 'int'
â cervella
che staje malato ancora 'e fantasia?...
'A morte 'o ssaje che d'è?... è una livella.

'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme:
tu nun t'è fatto ancora chistu cunto?

Perciò,  stamme a ssenti'... nun fa' 'o restivo,
suppuorteme vicino - che te 'mporta?
'Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie... appartenimmo â morte!". 

------------------------------------------


La vera par-condicio è la morte.


Gianni Greco

venerdì 27 gennaio 2012

PESTAITALIA

A volte la pesti, e te ne accorgi solo dal puzzo quando entri in macchina o arrivi a casa. Ma porc...

Povera Italia calpestata. Qualcuno dice che è un Paese di merda, ma io no. Perché non è colpa sua: lei ci hai dato civiltà, arte, leggi, armonia, genio, operosità. 
E noi abbiamo buttato via tutto.


Noi fummo da secoli calpesti, derisi...
Mameli, povero ragazzo, l'aveva previsto: il passato che torna. Ormai siam popolo, non siam più divisi, Goffredo, ma l'apparenza inganna, e l'appartenenza incazza.
Non siamo più fieri di essere fratelli di
L'Italia s'è pesta!

Quante volte abbiamo sentito pronunciare la frase: "Mi vergogno di essere italiano!".

Io non mi sento italiano, ma per fortuna o purtroppo lo sono.
Gaber le ha dato la botta finale: quel per fortuna non addolcisce la frase iniziale, a cui si aggiunge un purtroppo di troppo.

A volte un nome usato male, di cui ci si impossessa abusivamente, può compromettere una reputazione di secoli.
E' il momento di cercare i colpevoli e di attribuire le colpe

Cominciamo da Equitalia


Ma chi cazzo vi ha dato il permesso, signori esattori, di impadronirvi di un nome così nobile? 
Colui che ha avuto la bella idea chissà come si è felicitato con se stesso. E non sa quanto male ha fatto alla nazione. 
I tartassati, gli sconvolti dalle azioni proditorie della feroce agenzia assoceranno il nome Italia alle persecuzioni tributarie, e l'odieranno ancora di più.


Secondo esempio: Alitalia. Inutile rivangare i problemi della compagnia aerea chiamata, oltretutto, di bandiera
Di male in peggio. 
Non è lontano il tempo del teatrino ignobile che ha portato questo nome ad essere considerato sinonimo di fallimento e di mala gestione: Malitalia.

Il passaggio a Trenitalia è d'obbligo. E qui non c'è bisogno di sprecare troppe parole. Basti dire che molti l'hanno ribattezzata Merditalia.
Eccoci tornati dunque a quello che abbiamo pestato all'inizio.
Un puzzo cane, gente!

Avete notato che tutti i nomi con l'Italia portano jella? (All'Italia).
Vogliamo parlare di Forza Italia? Meglio di no. E nemmeno dei partiti o partitini che pur piccini si infilano l'Italia nel nome. Ma se la infilassero nel luogo da cui è uscito ciò che abbiamo pestato! (Pare che gli stivali in culo facciano parecchio male).

Parliamo piuttosto di roba più recente, ad esempio del decreto Salvaitalia, che ha lasciato schettinamente affogare una miriade di italiani, a cui ha fatto seguito l'altra geniale trovata montiana, il Crescitalia, che fa crescere solo l'ansia. Facesse almeno crescere i capelli, o il pisello!


Insomma, la volete smettere di esporre il sacro nome della Patria nelle vostre illusorie vetrine? 
Datevi da fare invece di sputtanarlo, e quel che fate fatelo bene, ma lasciate in pace questo povero suolo martoriato il cui nome viene ogni giorno infamato da infinite merdate.

Propongo una cosa: SI VIETI di usare la parola Italia per qualsiasi impresa, nome, titolo, fossero anche opere di bontà.
Per esempio, Miss Italia potrebbe chiamarsi Miss Passera, tanto male che vada poi si dà la colpa a Corrado.


Italia 1 potremmo ribattezzarla Unostrazio, e L'Italia in diretta invece... niente, quella andrebbe proprio chiusa.


Giù le mani dall'Italia, naccherini, trovatevi altri nomi, e se non vi vengono chiedete a me: ne ho di eccezionali da proporvi. 
Quali? Non posso certo svelarli qui, ma ve ne anticipo le iniziali: S......, M...., T.... D. C...., V......... e tanti altri. 

Scegliete voi.

Gianni Greco

-- Gli stivali con l'Italia sotto le suole della foto in testa all'articolo esistono veramente: sono in commercio come 'Gli Stivali di Garibaldi', di cui vengono dichiarati una copia fedele.
Ma allora: Garibaldi unificava l'Italia o la calpestava?

mercoledì 25 gennaio 2012

PIU' SFIGATI DI COSI'!


La sfiga ci perseguita. Ma a volte ce ne dimentichiamo. 
Se nessuno ce la ricorda possono pure passare giorni, forse settimane senza che ci pensiamo.
Meno male che c'è qualcuno che si incarica di riportarcela alla mente.
Sennò a che servirebbe il governo tecnico?


La tecnica è: noi siamo noi e voi non siete un cazzo. Metodo Marchese del Grillo.
Bravi professori. E se uno che si laurea a 28 anni è uno sfigato, cos'è uno che non si laureerà mai, che è costretto a sgobbare per tirare la carretta, che non ha i mezzi per frequentare l'università?
Una merda.


Grazie Martone, di nome Michel, da parte mia a nome di tutte le merde non laureate, nemmeno alla tarda età di 28 anni.


Io, lo confesso, ho solo la terza media, e questo deve essere terribile per gente con la puzza di merda sotto il naso come lei, Michel.
Sono una supermerda,  mi pesto da solo, poi mi recupero da sotto le scarpe, mi riformo e mi ripesto.
Pensi, Michelin, che brutta vita è la mia.
Quando un cazzo di viceministro parla dovrebbe stare attento a non offendere chi rappresenta, e cioè tutti, ma proprio tutti gli italiani, anche quelli che hanno la terza media.


Sia ben chiaro, sono ironico nei miei stessi confronti, perché sto benissimo col mio modesto titolo di studio, visto che la cultura non mi manca, e di questo per mia fortuna non devo ringraziare alcun spocchioso professore.


Molti mi credono laureato, e io godo nel rivelare agli increduli la verità: ho passato una vita a spiegare ai miei ascoltatori/lettori che non è necessario laurearsi per accedere alla conoscenza: basta curiosità, voglia di scoprire, fantasia, amore, sensibilità, sete di sapere.


E io conosco molti laureati che non sanno un cazzo oltre a quello che hanno studiato, e a volte nemmeno quello.
Il mondo è grande, è oltre un'aula, sia pure magna.




Sfigato è chi di sfigato dà.


Gianni Greco

martedì 24 gennaio 2012

MA SI', BLOCCHIAMOCI DA NOI


Prendi una donna, legala bene, lasciala stretta per ore...
Puoi anche cantarla se vuoi. Ma quando l'hai legata ben bene, col cazzo che te la trombi. E quando la sleghi scopri pure che se l'è fatta addosso.


Un metafora in stile bondage per esemplificare lo stupido sadomasochismo da cui siamo eternamente affetti. 
Quella forma di autoflagellazione che porta gli italiani a votare gente di cui si vergognano o a tributare il successo a gente come Gigi D'Alessio.
Per capirci.


Ora abbiamo cominciato a farci del male con i tir. E quelli sono pesanti, in tutti i sensi.
Perché? Che senso ha bloccare il Paese? Non è già bloccato abbastanza?
Ma come, protesti contro chi ti impoverisce e impoverisci quelli come te?
Dubito che questo faccia bene ai bloccatori, che hanno sicuramente sbagliato bersaglio.


La protesta è giusta, persino sacrosanta, è il metodo che è sbagliato.
Bloccare l'Italia è un delitto, bloccare i suoi governanti, se ritenuti incapaci o malfidati, è un dovere. 
Perché non è l'Italia, non sono i cittadini - a parte i grandi evasori - ad affamarci. E' chi non sa o non vuole, non ha saputo o non ha voluto fare il nostro bene, come dovrebbe o avrebbe dovuto.


Se io mi trasferisco da un posto all'altro non lo faccio tanto per farmi un giretto in autostrada: vado al lavoro, o mi reco a un appuntamento importante, o ad incontrare la persona amata, a trovare un ammalato, a far visita a parenti, a portare materiale, ad accompagnare qualcuno in qualsiasi posto... E la benzina l'ho pagata, il pedaggio lo pago. 
Ciò che pago più caro però è il tempo della mia vita. E quello è sacro e inviolabile, violato invece continuamente dall'ingranaggio di cui siamo minuscole rotelline autostritolantesi.


Invece di bloccare cittadini innocenti andate dritti ai centri del potere.
Nessuno di quelli che condannate all'imbottigliamento può migliorare le cose: può invece mandarvi sonori accidenti che comprendono i vostri ascendenti fino alla settima generazione.
I vaffanculi si sprecano. Se vi piacciono... Masochisti anche in questo.
E ricordate: non siete grandi solo perché avete i tir.


Ho sempre lottato contro ogni forma di sciopero o blocco che si ripercuota sulla gente. Per soluzioni alternative rimando anche a questo mio precedente articolo: 
http://lombradeldubbio.blogspot.com/2011/12/lo-sciopero-dei-trasporti-e.html.
Perché ci sono, devono esserci alternative: dritti contro il potere senza passare sui corpi dei cittadini.


Altrimenti, come si dice a Firenze, siamo proprio dei furbèga: furbi una sega.


Gianni Greco

lunedì 23 gennaio 2012

MONTI ABBATTE I TABU'. YUHUUUU!!!


Non c'è cosa più divina che trombare la cugina.
Ma una cosa ancor più bella è trombare la sorella.
E non c'è cosa più degna che tromba' una donna pregna.

Oppure:

Osteria numero zero - paraponziponzipo'
è successo al cimitero - paraponziponzipo'
quattro morti putrefatti s'inculavan come matti...

Tuttavita!


I tabù ormai sono roba vecchia, ragazzi, col cambio di governo quello che sembrava un ritorno all'austerità si è trasformato nel più sfrenato abbattimento di ogni tipo di proibizione. Evviva!!!

L'ha detto Mario Monti: non voglio tabù. E se l'ha detto lui...
Lo ha detto a proposito di qualcosa che ha a che fare col 18.
Ma siccome non ricordo bene cosa sia, farò qualche ipotesi.

Diciotto anni non saranno più il limite tra minorenni e maggiorenni: tutto sarà permesso, a qualsiasi età, magari persino i volti dei bambini si potranno vedere in TV e sui giornali.
Anche a dieci anni si potrà avere l'ergastolo. 
Figo.

Diciotto centimetri sarà la misura minima garantita del pene degli italiani: a tutti quelli che fossero al di sotto di tale misura sarà fornita una pompetta modello Silvio per l'aumento di proporzioni e durezza.
Chi raggiungerà e supererà il limite potrà pisciare in pubblico e trombare le suore.

Diciotto metri sarà la misura dello yacht che verrà fornito ad ogni famiglia perché le si possa tassare il posto barca.

Dopo il diciotto non si lavorerà più fino alla fine del mese.

Ad ogni italiano saranno garantite diciotto trombate al mese con diciotto donne diverse, e si potranno avere fino a diciotto mogli e diciotto mariti.

Diciottomila euro al mese per tutti.

Diciotto diciottenni per diciotto ore ogni diciotto giorni. Ganzo.

Diciotto rutti.

Diciotto scorregge.

Diciotto diciotti...

Driiiiiiinnnn... Dopo diciotto squilli rispondo. Pronto?
.................................................................
.................................................................
.................................................................

Ho appena ricevuto una telefonata. Qualcuno mi ha detto che il 18 si riferisce al relativo articolo, quello dei licenziamenti.


Mi è crollato il mondo addosso.
Ma allora... il tabù di Monti si limita a quello: vuole discutere di licenziamenti senza tabù.
Cazzo, ma così gode solo lui!
Non va mica bene.

Come non detto, gente, abbiamo solo sognato.
L'unica libertà che ci verrà concessa sarà quella di essere licenziati.

Ma... e se licenziassimo noi il licenziatore?
Adesso? No, alle 18.

Gianni Greco

sabato 21 gennaio 2012

MONTI, LIBERALIZZACI LA TOPA


Tutte qui le grandi liberalizzazioni del governo Monti?
Taxi, farmacie, scatole nere, scatole piene... Le nostre.
Però, dice lui, siamo solo alla prima fase. 
E' un governo che va a fasi. E tra una fase e l'altra è fuori fase.




Vorrei approfittare di questo 'fuori fase' per avanzare un piccolo ma basilare suggerimento per la prossima: la topa.
Non vorrei che il buon premier se ne fosse dimenticato, così abituato come deve essere stato negli ultimi 50 anni a eiaculare sul denaro.


I ragazzi della sua generazione in bagno si portavano le rivistine porno piene di pelo, lui magari si portava mazzette di banconote, e le sfogliava lubricamente.
Immagino quante belle rasponate abbia potuto farsi sulle mitiche 10.000 lire con le "regine", o, in tempi di magra, sulle meno eccitanti ma pur sempre utili mille lire della Montessori.
Quelle sì che erano... fasi!






Ma noi, più attratti dalla topa che dal denaro, sebbene quest'ultimo per molti sia l'unica fonte di approvvigionamento di essa, vorremmo fare un accorato appello al nostro Duce Massimo:
Monti, 
la fame non è solo quella dello stomaco. 
Altri organi ne soffrono atrocemente i morsi in questa nostra martoriata Italia, e anche parecchio di più: 
perché un pezzo di pane ogni giorno lo si rimedia, 
ma un pezzo di fica no.






Monti, liberalizzaci la topa!!!
(si pagherebbero anche più volentieri le tasse)


Grazie, Mariolo'.


Gianni Greco

venerdì 20 gennaio 2012

LA MOLDAVA LA DAVA? - INTERVISTA A SCHETTINO







Ho raggiunto il capitano Schettino telefonicamente. La conversazione è stata breve e disperante. Eccone la fedele trascrizione.
Schettino, ma perché l'inchino è venuto male?
    Qualo inchine, o' primme o o' seconne?
Perché, ce n'è stato un altro?
    Chillo è privato, cumanda', vuie me capite... Chillo,
o' primme inchine, songhe venuto benissimo.
Vuol dire "è venuto".
   No, songhe, songhe. Abbundantemente.
O mio Dio!... Allora mi dica del secondo, Schettino. E stia attento, cazzo!
   Sì, mo' risalgo 'ncoppa a' nave.
Non ce n'è più bisogno, Schettino.
   Scusatemi, cumanda', è buio, non capisco bbene.
Ma che dice Schettino? Vabbè. Adesso mi parli del membro.
   O' membro? Aspettate che controllo...
Ma cosa fa, Schettino, cazzo?
   Appunto... Sì, sta llà. Tutto apposto. Nu' poco 'nchinato.
Mi riferivo alla ragazza. E' o non è un membro?
   Comme vi aggio 'itto è buio, non si vede bbene, ma a me mi è sembrata 'na fessa.
'E sorete! Un membro dell'equipaggio, Schettino, sveglia!
   Nun me sarei mai permesso, cumanda'. Mica songhe nu' ricchione.
Intendo la moldava, Schettino, la mol-da-va!
   Me-la-da-va, me-la-da-va... 
Va bene, sorvoliamo.
   Simme passati all'aviazione?
No, per carità! Mi dica piuttosto, Schettino: cosa le hanno detto al telefono quelli della Costa?
   I' vi dico e' ccose comme so' gghiute, cumanda': squilla o' telefono, io rispunno e mi dicono: Costa. Allora aggio capito che dovevo puntare sulla costa.
Ma disgraziato, Costa è il nome del suo datore di lavoro!
   E' o vero?
Proprio così. Per cui se si chiamava Largo...
   I' viravo verso o' largo. Songhe bbravo, ne', cumpa'?
Ma perché ha dato l'allarme così tardi? Glielo hanno comandato loro?
   Loro m'hanno 'itte: dia l'allarme ora. Ora! E quindi aggio aspettato un'ora. I' songhe nu' bbravo quaglione, cumanda', chello che me dicono o' faccio.
E farebbe anche quello che le dico io?
   Certamente, cumanda'. Ai vostri ordini!
Allora vada a fare in culo, cazzo!!!
   Sì, subbito. Ma quanti cadaveri ci sono?






Quando mi sono svegliato ho tirato un sospiro di sollievo. Era stato solo un sogno, anzi, un incubo.
Resta da stabilire quanto lontano dalla realtà.


Gianni Greco
  

mercoledì 18 gennaio 2012

FIGURE DI MERDA


L'Italia è piccola, ma quando facciamo le cose noi non solo le facciamo meglio degli altri: ne facciamo anche di più.
Ora, non essendo più tempo di Grandi Geni, ci siamo specializzati nelle Figure di Merda.
In questo siamo i Numeri Uno nel mondo.


Per esempio: è appena stato eletto Presidente del Parlamento Europeo il signor Martin Shultz, sì, proprio quello che il nostro spudorato premier davanti alle telecamere propose per una parte di kapò in un ipotetico film italiano in fase di lavorazione. Ora il kapò è diventato Presidente, e l'ex Presidente? 
Beh, lui potrebbe fare il kapò. Sarebbe perfetto.




CHE FIGURA DI MERDA!

Questo mese, gennaio 2012, il mensile Max esce con in copertina Matteo Renzi, definendolo "L'uomo dell'anno". Certamente quella copertina non sarebbe uscita se fossero stati resi noti prima i risultati del sondaggio annuale sui sindaci più amati dai propri cittadini.
Infatti Renzi è crollato dal primo al 51° posto.


MAXi FIGURA DI MERDA!

Ma la Figura di Merda delle Figure di Merda spetta senza alcun dubbio al capitano Francesco Schettino, che abbiamo sentito incerto, frastornato, codardo come un topo che scappa quando la nave affonda, mentre dalla Capitaneria di Porto gli si ingiungeva con giusto tono imperioso di risalire sulla sua nave per fare il proprio dovere.
Farfugliava confuso: "Ho abbandonato la nave... sto andando a bordo... è buio... quanti cadaveri ci sono?".
Un uomo dalla faccia più che abbronzata: di bronzo.
Per una colossale...



... FIGURA DI MERDA!
Ma fosse finita qui. Dopo il danno, i morti, il ludibrio mondiale a cui ci ha esposto lo svagato capitano, l'inappellabile GIP ha ritenuto bene di mandarlo a casa a giocare con le barchette nella vasca da bagno.


STRAFIGURA DI MERDA!

Sono solo alcuni degli innumerevoli esempi di italiche FIGURE 
di vario tipo e gravità, ma immancabilmente DI MERDA.
Non lamentiamoci, però, in fondo la merda fa parte giornalmente della nostra vita, e a lei dobbiamo molto:
pensate a come ci ridurremmo se non esistesse.

Piuttosto, bisogna riconoscere che in tutte queste vicende c'è un solo piccolo, grande, immenso eroe: il buco del culo.
Vorrei che il Presidente lo proponesse per una medaglia al valore. 
D'oro? No, troppo dura. Di merda.

Gianni Greco